Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Salzgitter in difficoltà sul mercato americano.

KEYSTONE/EPA/STEFAN SIMONSEN

(sda-ats)

Salzgitter, il secondo più grande gruppo siderurgico in Germania, sta pagando dal 30 marzo un dazio punitivo del 22,9% sulle esportazioni di lamiera grezza negli Stati Uniti. Lo ha annunciato un portavoce, secondo il quale la misura non ha valore retroattivo.

Salzgitter è così la prima azienda tedesca a pagare i dazi punitivi tra quelle accusate da Washington di dumping. Nelle scorse settimane l'amministrazione Trump aveva minacciato dazi antidumping contro alcuni produttori europei di acciaio, tra cui le tedesche Salzgitter e Dillinger Huette.

Salzgitter ha respinto nuovamente le accuse di dumping mosse da Washington. Le attività negli Usa rappresentano il 6% del fatturato del gruppo tedesco.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS