Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'ipotesi che va facendosi sempre più concreta di una possibile discesa in campo del vicepresidente Joe Biden per le presidenziali 2016 divide gli animi alla Casa Bianca e nell'entourage del presidente Barack Obama.

Da una parte Biden ha molti estimatori, a Washington in generale dove della politica è veterano e nell'amministrazione, dall'altra però una sua corsa rischia di rompere equilibri, dopo che una parte dello staff si è già schierato con la candidata per la nomination democratica Hillary Clinton.

Parte dello staff ed ex staff di Obama sta già lavorando alla campagna della ex first lady e altri temono - nonostante la stima - che Biden non possa farcela contro la 'macchina elettorale' targata Clinton. Così in molti non sanno per chi tifare, stando a diverse testimonianze raccolte da Politico.

"Non so quale sarà la linea ufficiale", ha detto una fonte della West Wing, "ma ci sarà molta gente (alla Casa Bianca, ndr) che farà il tifo per lui. Anche se con la testa sono con Clinton, il cuore è dalla parte del vicepresidente". Stesso tono per un ex della campagna Obama: "Se decide di provarci, in molti prenderanno decisioni dettate dall'istinto più che dalla testa".

C'è però chi sottolinea che "se Biden fosse eletto presidente sarebbe straordinario e storico, ma credo che a questo punto le possibilità non siano molte. Si tifa per lui ma poi si sostiene Hillary".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS