Navigation

Usa: l'audio rubato di Trump consegnato al Congresso

Il presidente statunitense Donald Trump di nuovo sotto attacco per la vicenda in Ucraina (foto d'archivio) KEYSTONE/AP/AB sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 25 gennaio 2020 - 08:13
(Keystone-ATS)

L'audio rubato in cui il presidente statunitense Donald Trump chiede la rimozione dell'ex ambasciatrice Usa in Ucraina, Marie Yovanovitch, è stato consegnato alla commissione intelligence della Camera per essere esaminato.

A consegnarlo sono stati i legali di Lev Parnas, l'ex socio di Rudolph Giuliani che sarebbe l'autore della registrazione effettuata nel corso di una cena privata nell'aprile del 2018.

L'audio potrebbe rafforzare la richiesta dei democratici di ammettere nuove prove e testimonianze al processo per l'impeachment in corso al Senato. Trump, in un'intervista a Fox News, nega però di aver ordinato a Parnas l'allontanamento della funzionaria. Il presidente Usa ha però aggiunto: "Io ho tutto il diritto di assumere o licenziare un ambasciatore".

Nell'audio si può ascoltare la voce di Trump dire: "Cacciatela via". Il riferimento è all'ex ambasciatrice Usa in Ucraina, Marie Yovanovitch, per gli accusatori di Trump silurata perché considerata non gradita dalla Casa Bianca e un ostacolo alle pressioni sul governo di Kiev per avviare indagini sui Biden e sui democratici Usa.

La registrazione, diffusa da Abc News, risalirebbe al 30 aprile 2018, un anno prima che l'ex ambasciatrice venisse effettivamente richiamata, e cattura un colloquio tra il presidente americano e i due soci di Rudolph Giuliani coinvolti nell'Ucrainagate. Si tratta di Lev Parnas e Igor Fruman, che il tycoon ha sempre negato di aver conosciuto nonostante ci siano alcune foto che lo ritraggono insieme ai due. "Dobbiamo sbarazzarcene subito, domani, non mi importa niente, ok?", insiste Trump nell'audio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.