Navigation

Usa: morto Thomas Kinkade, il pittore della luce

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 aprile 2012 - 21:43
(Keystone-ATS)

Ha raggiunto il successo dipingendo paesaggi idilliaci, chiese e cassette di campagna. Thomas Kinkade, "il pittore della luce", è morto nella sua casa di Los Gatos, nella baia San Francisco, a 54 anni, apparentemente per cause naturali. Lo ha fatto sapere in un comunicato un portavoce della famiglia.

Una volta Kinkade disse che aveva qualcosa in comune con Walt Disney e Norman Rockwell: "Fare contenta la gente", e infatti la sua filosofia artistica era di dare al pubblico ciò che desiderava. Pare ci sia riuscito se si considera - come riporta il San Francisco Chronicle - che il pittore guadagnava circa cento milioni di dollari l'anno e i suoi quadri sono attaccati alle pareti di dieci milioni di case americane. Le sue opere - molto apprezzate dal pubblico, ma criticate dagli esperti del mondo dell'arte - avevano prezzi variabili da poche centinaia di dollari fino a 10.000, e lo stesso Kinkade diceva di se stesso di essere il più ricercato dai collezionisti. Nei suoi quadri l'artista - che si definiva un devoto cristiano - ritraeva spesso paesaggi biblici, e in un'intervista al San Jose Mercury News nel 2002 aveva raccontato di essere "un guerriero della luce", facendo riferimento alla pratica medievale di utilizzare la luminosità per simboleggiare il divino.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?