Navigation

Usa: moschea Ground Zero; re saudita pensa a trasferimento

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 dicembre 2010 - 18:23
(Keystone-ATS)

WASHINGTON - La famiglia reale saudita starebbe pensando di finanziare la controversa moschea newyorchese, trasferendola però dalle vicinanze di Ground Zero al West Village. Lo scrive oggi il New York Post, secondo cui il re Abdullah vorrebbe costruire il nuovo centro islamico, da mesi al centro di un scontro violentissimo, nel luogo dove oggi sorge il St. Vincent's Medical Center, chiuso da tempo per fallimento.
Secondo il giornale, il re saudita vorrebbe salvare l'ospedale e al contempo costruire la moschea. In questo modo riuscirebbe a risolvere la polemica tra i pro e i contro circa l'opportunità di mettere in piedi un luogo di culto musulmano a due passi da dove i terroristi di Al Qaida fecero crollare le Torri Gemelle.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.