Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La National Security Agency ha oggi reso pubblica una e-mail inviata da Edward Snowden alla stessa Nsa un anno fa: nel testo Snowden chiede chiarimenti di carattere giuridico, ma non solleva alcuna obiezione in merito alle attività di sorveglianza elettronica della Nsa, per la quale all'epoca lavorava ancora come "contractor".

"L'e-mail non sollevava accuse o dubbi su irregolarità o abusi, ma pone una questione legale" a cui è stato risposto, scrive l'Ufficio del Direttore dell'Intelligence Nazionale nel suo sito, in cui viene pubblicata la mail di Snowden.

In un'intervista alla Nbc e andata in onda ieri, Snowden ha detto di aver informato i suoi superiori sui suoi timori riguardo alle attività della Nsa. "Sono passato attraverso vari canali. Questo è documentato - ha affermato - La Nsa ha gli archivi, loro hanno delle copie delle e-mail...in cui sollevo timori sulle interpretazioni delle loro autorità legali". Nella mail, datata 5 aprile 2013, ossia due mesi prima delle sue prime rivelazioni pubbliche, Snowden scriveva di non essere "interamente certo" in merito a del materiale che aveva avuto durante un corso di aggiornamento. Voleva chiarimenti riguardo al valore degli ordini esecutivi rispetto alle leggi, e voleva sapere se le direttive del Dipartimento della Difesa o quelle dell'Ufficio del Direttore Intelligence Nazionale abbiano "una maggiore precedenza".

Un funzionario rispose alla sua mail, fornendo i chiarimenti, non ci furono ulteriori seguiti, secondo quanto ha reso noto la Nsa, aggiungendo che "ci sono molte strade attraverso cui Snowden avrebbe potuto sollevare oltre preoccupazioni...Abbiamo cercato ulteriori indicazioni di sensibilizzazione da parte sua e ad oggi non abbiamo scoperto alcuna azione relativa alle sue affermazioni".

SDA-ATS