Navigation

Usa: Nyt, big farmaceutica verso intesa 50 mld su oppiodi

Una delle aziende americane finite nel mirino della giustizia americana. KEYSTONE/AP/DARRON CUMMINGS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 17 ottobre 2019 - 07:20
(Keystone-ATS)

Un accordo da 50 miliardi di dollari per chiudere migliaia di azioni legali prima che il processo inizi come previsto lunedì prossimo. E' l'intesa a cui stanno lavorando gli Stati e le città americane con i maggiori distributori e produttori di oppioidi.

Lo riporta oggi il New York Times. L'accordo libererebbe AmerisourceBergen, Cardinal Health e McKesson, ma anche Johnson & Johnson e Teva, da più di 2.300 azioni legali con cui sono accusate di essere responsabili della crisi degli oppioidi negli Stati Uniti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.