Gli Stati Uniti hanno concluso che la Russia ha violato il trattato sul controllo delle armi testando un missile proibito 'ground launched cruise'.

Lo riporta il New York Times citando un rappresentante dell'amministrazione, secondo il quale la conclusione americana è stata comunicata dal presidente Barack Obama al presidente russo Vladimir Putin, in una lettera.

"Gli Stati Uniti hanno concluso che la Russia sta violando gli obblighi previsti nel trattato", firmato dal presidente americano Ronald Reagan e da Mikhail Gorbaciov, di "non controllare, produrre o testare un missile cruise GLCM con una capacità fra i 500 e i 5500 chilometri", si legge in un rapporto americano riportato dal Nyt.

L'accusa degli Stati Uniti è la più seria per la violazione del trattati sulle armi e va ad aumentare la tensione fra i due Paesi, i cui rapporti sono già tesi per l'Ucraina e per la concessione dell'asilo a Edward Snowden, la talpa del Datagate.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.