Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

WASHINGTON - Il presidente Barack Obama ha definito oggi "un attacco alla nostra democrazia" la decisione della Corte Suprema di rimuovere i vincoli ai contributi elettorali finora imposti ai grandi donatori. "Questa decisione spiana la strada a quantità illimitate di denaro, da parte degli interessi speciali, sulla nostra democrazia", ha affermato Obama nel suo discorso radio e video del sabato.
La decisione presa due giorni fa dalla Corte Suprema, per 5 voti a 4, consentirà in particolare alle grandi società americane di versare quantità illimitate di soldi per sostenere o per attaccare un candidato.
"La decisione darà ai lobbisti degli interessi speciali nuovi strumenti per spendere milioni di dollari in campagne per spingere i funzionari pubblici a votare a loro favore - ha sottolineato Obama nel suo discorso - Questa sentenza è un colpo alla nostra democrazia".
I candidati democratici impegnati a fine anno nelle elezioni di metà mandato sono svantaggiati dalla decisione della Corte Suprema, che aiuterà soprattutto i candidati repubblicani, tradizionalmente più sensibili alle esigenze del mondo degli affari.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS