Navigation

Usa: Obama firma legge riconoscimento gay in forze armate

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 dicembre 2010 - 16:06
(Keystone-ATS)

NEW YORK - Con una cerimonia al ministero dell'Interno degli Stati Uniti, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha firmato oggi la legge che riconosce appieno i diritti degli omosessuali nelle Forze Armate Statunitensi.
Alla presenza di numerosi parlamentari, tra i quali spiccava con il suo vestito rosso fuoco Nancy Pelosi, la speaker della Camera dei Rappresentanti, Obama ha così sancito tra applausi più da campagna elettorale che da cerimonia solenne la fine del cosiddetto regime 'Don't ask don't tell' (non te lo chiedo ma non me lo dire) che per 17 anni è stato in vigore al Pentagono.
"Sono più che entusiasta, è davvero una grande giornata". ha detto Obama prima della firma, aggiungendo "questa mattina sono fiero di firmare una legge che renderà più forti gli Stati Uniti" permettendo a tutti di servirli senza restrizioni.
Il presidente si è ancora rivolto direttamente ai gay, ricordando loro che perchè la legge entri effettivamente in vigore ci vorrà ancora un po' di tempo, ma ha garantito che il Pentagono è pronto a recepire il provvedimento in tempi rapidi.
Dopo la firma, salutata da applausi quasi da stadio, Obama ha stretto la mano a tutti i parlamentari presenti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.