Un ruolo limitato del governo e più capitali privati: il presidente americano Barack Obama delineerà nelle prossime ore la propria strategia per il mercato immobiliare, quello al centro della crisi. E lo farà - secondo indiscrezioni - anche tornando a chiedere al Congresso di rendere più semplice per i mutuatari il rifinanziamento dei propri prestiti.

La riforma prevede l'addio a Fannie Mae e Freddie Mac, i due colossi del credito ipotecario nazionalizzati durante la crisi, che dovranno essere sostituiti possibilmente da una società di riassicurazione del governo che sosterrà perdite solo in circostanze catastrofiche.

"Un sistema riformato" di finanziamento del mercato immobiliare "deve avere un ruolo limitato del governo, incoraggiare il ritorno di capitale privato - afferma un rappresentate dell'amministrazione presentando il discorso che Obama terrà nelle prossime ore - e mettere il rischio ma anche l'eventuale successo associato ai prestiti immobiliari nella mani di attori del sistema privati, non dei contribuenti".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.