Navigation

USA: poliziotto ammanetta quindicenne per sesso con figlia

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 settembre 2010 - 15:58
(Keystone-ATS)

WASHINGTON - Un poliziotto di San José (California) è finito sotto inchiesta per avere ammanettato il ragazzo quindicenne di sua figlia dopo avere scoperto che i due avevano rapporti sessuali.
Il poliziotto si era recato nella casa del ragazzo affermando che doveva arrestarlo per aggressione sessuale. L'agente aveva ammanettato il ragazzo dicendogli che "si era messo nei pasticci" e che "in prigione sarebbe stato stuprato da altri detenuti".
La scena dell'arresto è stata ripresa con un telefonino dai genitori del ragazzo. Nel video si sente il poliziotto dire al quindicenne che l'avrebbe pagata cara "per avere avuto rapporti sessuali con la figlia quattordicenne di un poliziotto".
L'agente è stato denunciato dai genitori del ragazzo per "abuso di potere".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.