Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Joaquin "El Chapo" Guzman al momento dell'arresto

KEYSTONE/AP/MARCO UGARTE

(sda-ats)

Il processo contro il trafficante di droga Joaquin Guzman, detto 'El Chapo' è stato posticipato da aprile a settembre da un giudice federale di Brooklyn, che non ha fornito una data specifica.

Lunedì lo stesso magistrato, Brian Cogan, aveva già posticipato di un mese l'udienza preliminare, inizialmente prevista per il 19 gennaio, su richiesta dell'avvocato difensore Eduardo Balarez, che ha richiesto più tempo per preparare il processo, dato che ha iniziato ufficialmente a rappresentare Guzman a settembre.

Arrestato a gennaio 2016 in Messico ed estradato negli Stati Uniti nel gennaio 2017, El Chapo, 60 anni, è accusato di aver guidato il cartello della droga di Sinaloa, uno dei più potenti che il continente abbia mai conosciuto.

A causa delle sue precedenti fughe, è rinchiuso in un carcere di massima sicurezza a New York, con visite limitate e in condizioni di isolamento che i suoi avvocati hanno ripetutamente denunciato.

Il governo degli Stati Uniti gli ha addebitato 17 capi di imputazione che lo ritengono responsabile della morte di migliaia di persone e del contrabbando di migliaia di tonnellate di droga negli Stati Uniti. Se giudicato colpevole, potrebbe trascorrere il resto della vita in prigione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS