Navigation

USA: processo Weil, trovate falle in deposizione Schumacher

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 ottobre 2014 - 21:23
(Keystone-ATS)

Nel terzo giorno del processo a carico dell'ex numero tre di UBS Raoul Weil in corso a Fort Lauderdale, in Florida, i difensori del 54enne sono riusciti a trovare delle falle nella deposizione del primo testimone Hansruedi Schumacher, fino al 2002 responsabile della gestione patrimoniale di UBS in Nordamerica. Con la sua testimonianza l'accusa tentava di dimostrare che Weil fosse al corrente delle violazioni commesse da suoi subordinati.

La difesa ha messo in dubbio la credibilità di Schumacher, evocando delle insensatezze nella sua deposizione della vigilia. L'avvocato di Weil, Matthew Menchel, ha esibito documenti che mostrano che sia esponenti di primo piano di UBS sia rinomati studi legali raccomandavano ai consulenti di rispettare nelle loro relazioni con clienti americani la regolamentazione delle autorità fiscali USA.

Menchel ha persino accusato lo stesso Schumacher di aver invitato i suoi subordinati a percorrere vie illegali e cercare "soluzioni innovative" quando è salita la pressione da parte delle autorità a stelle e strisce per smascherare gli evasori fiscali. Secondo l'avvocato di Weil, Schumacher ha attenuato di fronte ai suoi collaboratori le raccomandazioni e le direttive della direzione di UBS. Egli avrebbe lasciato credere che la banca approvasse l'aggiramento delle normative del fisco americano (IRS).

Schumacher ha dovuto ammettere che nessuno dei suoi superiori gerarchici gli ha affidato l'incarico di eludere la regolamentazione dell'IRS.

Il processo davanti alla corte federale distrettuale di Fort Lauderdale dovrebbe durare tre-quattro settimane con la deposizione di una dozzina di altri testimoni. Weil è accusato di cospirazione a scopo di truffa nei confronti degli Stati Uniti e complicità in delitti fiscali. L'imputato, che si dichiara innocente, rischia fino a cinque anni di carcere.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.