Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Non devo chiedere scusa": così il presidente americano, Barack Obama, sulla vicenda dello scambio di prigionieri con i talebani che ha portato alla liberazione del sergente Bowe Bergdahl.

"Eravamo preoccupati per il suo stato di salute e per la sua sicurezza. Abbiamo visto che c'era un'occasione e abbiamo deciso di non lasciarcela sfuggire. E non devo chiedere scusa per questo", ha detto Obama, rispondendo da Bruxelles alle critiche mosse in patria all'operato della Casa Bianca.

SDA-ATS