Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Centinaia di manifestanti finiti in manette: si è conclusa così la giornata di sciopero nazionale dei fast food in America, dove in migliaia sono scesi in piazza in almeno 150 città per chiedere un aumento del salario minimo a 15 dollari l'ora.

La protesta andata avanti per tutta la giornata di giovedì è stata caratterizzata da diversi atti di disobbedienza civile da parte dei manifestanti, che hanno organizzato decine di blocchi stradali causando ovunque gravi disagi alla circolazione: da Chicago a Boston, da Denver a Los Angeles, da Detroit a Miami. Bloccata anche Times Square, a New York, dove è finita in manette una trentina di persone. Durante la giornata di protesta, comunque, non si sono registrati scontri gravi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS