Navigation

Usa: sette persone uccise in sparatoria birrificio di Molson Coors

Sparatoria in un birrificio Molson Coors a Milwaukee, KEYSTONE/AP/Morry Gash sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 febbraio 2020 - 07:22
(Keystone-ATS)

Strage al campus di Milwaukee di Molson Coors, il colosso della birra. Il bilancio è di sette persone morte. L'aggressore è un dipendente licenziato dalla società, un uomo di 51 anni che dopo la strage si è tolto la vita.

L'allarme è scattato nel primo pomeriggio, quando la società ha inviato una email ai dipendenti mettendoli in guardia sulla presenza di un uomo armato nell'edificio 4 al secondo piano. La polizia è giunta sul posto poco dopo le 14.00 ora locale. Il campus è stato immediatamente isolato così come tutte le scuole in prossimità.

"Queste persone sono andate regolarmente al lavoro oggi, come tantissimi altri. Pensavano che al termine della giornata lavorativa sarebbero tornati a casa. Ma tragicamente non torneranno mai", ha affermato il sindaco di Milwaukee, Tom Barrett.

Si è soffermato sulla strage anche Donald Trump, aprendo la conferenza stampa sul coronavirus. Il presidente ha espresso le sue condoglianze e descritto l'aggressore come un "assassino cattivo".

Molson Coors, che opera MillerCoors, ha annunciato nei mesi scorsi l'intenzione di chiudere il suo ufficio di Denver e trasferire decine di posti di lavoro nella sede di Milwaukee. Una riorganizzazione per tagliare i costi per far fronte al calo delle vendite legato alla crescente concorrenza.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.