Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Lo 'shutdown', la paralisi dello stato federale in America, non fa vincere nessuno, ma sicuramente chi perde di più è il partito repubblicano. Secondo un sondaggio di Nbc News e Wall Street Journal, la popolarità del Grand Old Party (Gop) è scesa ai minimi storici: la maggioranza degli cittadini Usa - il 53% - attribuisce a loro la colpa per il blocco della pubblica amministrazione.

Le proiezioni mostrano che solo il 24% degli interpellati mantiene un parere favorevole sul Gop. E scende ancora più in basso il gradimento verso i Tea Party, l'ala più conservatrice del partito, al 21%. Si tratta di numeri molto più negativi per i repubblicani rispetto a quelli registrati durante l'ultima "chiusura" del governo, avvenuta tra il 1995 e il 1996.

Per il partito dell'elefantino questo potrebbe significare uscire sconfitti dalle elezioni di medio termine del 2014: secondo il sondaggio infatti, ad oggi il 47% degli elettori americani preferirebbe avere un Congresso controllato dai democratici, mentre solo il 39% vorrebbe i repubblicani alla guida di Capitol Hill.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS