Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il killer di John Lennon si pente delle sue azioni. Mark David Chapman, 59 anni, ha detto di essere stato un idiota quando l'8 dicembre del 1980 ha freddato l'ex Beatle a New York davanti all'ingresso del Dakota Building, il palazzo dove abitava con Yoko Ono, di fronte a Central Park.

Chapman si trova in una prigione dello stato di New York dove sta scontando una condanna all'ergastolo e ha cercato più volte di ottenere la libertà condizionata. Davanti alla commissione che doveva decidere in merito e che per l'ottava volta ha respinto l'istanza, l'uomo ha sottolineato di aver riscoperto la fede religiosa in carcere e di essersi reso conto che si può scegliere tra Cristo e il crimine.

"All'epoca - si legge nella trascrizione rilasciata dalla commissione - non pensavo ad altri che a me. Mi dispiace di aver causato tanto dolore. Mi dispiace per essere stato un tale idiota e aver scelto la gloria sbagliata".

Tuttavia, la libertà condizionata gli è stata nuovamente negata, perché c'è ragione di credere che Chapman possa essere recidivo e quindi violare di nuovo la legge. L'uomo potrà ripresentare istanza nel 2016.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS