Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

NEW YORK - Sangue ad una festa di nozze a Buffalo, nello Stato di New York: cinque i morti, tutti tra i 26 ed i 32 anni, in una sparatoria di fronte al City Grill, uno tra i più popolari ristoranti della città. Altre tre persone sono rimaste ferite.
Secondo fonti ufficiali della polizia citate dal sito del "Buffalo News", nel locale si celebrava il matrimonio di una coppia texana, convolata a nozze lo scorso anno, che voleva festeggiare con gli amici la ricorrenza. Tra le vittime ci sarebbe anche uno degli sposi.
Ancora incerta la dinamica dell'accaduto: Raymond Wilhite, padre di Tiffany, 32 anni, una delle donne, almeno due, rimaste uccise, ha dichiarato al "Buffalo News" che la sparatoria è iniziata fuori dal locale, verso le 02.30 di notte, quando a due giovani non è stato consentito di entrare. La discussione, ha proseguito l'uomo, è presto degenerata: "hanno iniziato a litigare fuori, c'era molta confusione. Ad un tratto è spuntata una pistola, ed è scoppiato il finimondo". "Mia figlia era una ragazza tranquilla, senza problemi. È stata una cosa senza senso", ha concluso tra le lacrime sottolineando che tra le vittime c'è anche una cugina della giovane.
La strada antistante al locale mostra i segni della sparatoria: colpi sulle vetrate, macchie di sangue ovunque, anche sulle macchine parcheggiate.
Gli inquirenti sperano di accertare i fatti con l'ausilio delle telecamere a circuito chiuso della metropolitana: una fermata si trova proprio nei pressi del ristorante e l'occhio digitale potrebbe aver ripreso la scena. Intanto, almeno una persona, riferisce il "Buffalo News", è stata presa in custodia dalle forze dell'ordine perché sospettata di avere un legame con l'accaduto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS