Tutte le notizie in breve

Reality Leigh Winner, la contractor della National Security Agency accusata di aver passato ai media materiale classificato.

KEYSTONE/AP The Augusta Chronicle/MICHAEL HOLAHAN

(sda-ats)

Reality Leigh Winner, la contractor della National Security Agency accusata di aver passato ai media materiale classificato, potrebbe aver rubato altri segreti prima dell'arresto avvenuto nei giorni scorsi. La donna in tribunale si è dichiarata "non colpevole".

"Non è la prima volta che l'imputata ha carpito informazioni classificate", ha detto invece il procuratore federale Jennifer G. Solari, come riporta il New York Times.

Durante l'audizione, Solari ha descritto una telefonata registrata e si è riferita ad un episodio dell'anno scorso quando la donna, 25 anni, ha inserito un dispositivo di memorizzazione portatile in un computer sensibile. Non è chiaro però se abbia diffuso altre informazioni a parte il rapporto dell'Nsa sulle attività di hackeraggio della Russia durante le presidenziali.

Le autorità sono preoccupate perché in una telefonata con la madre Winner faceva riferimento a dei "documenti". Il giudice Brian Epps, di una corte distrettuale Usa, ha parlato di "forte" peso delle prove contro la donna. E il procuratore ha parlato anche di una nota in cui la contractor ha scritto "voglio ridurre in cenere la Casa Bianca".

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve