Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Donald Trump ieri all'aeroporto internazionale di Orlando-Melbourne, per il "Make America Great Again Rally".

KEYSTONE/AP/CHRIS O'MEARA

(sda-ats)

La ''sicurezza e' un diritto civile, e ci batteremo per rendere l'America di nuovo sicura''. Donald Trump difende il bando degli arrivi da sette paesi a maggioranza musulmana e critica la decisione della Corte d'appello di sospenderlo.

Il presidente americano si spinge anche oltre: "voglio realizzare delle 'zone sicure', 'safe zone' in Siria'', afferma nel corso di un comizio a Melbourne in Florida, sottolineando che i paesi del Golfo pagheranno per queste zone, perché' i soldi non mancano loro. Nelle 'safe zone' i siriani, spiega Trump, potranno restare fino a che il caos nelle loro città non si sarà risolto.

Il bando-bis allo studio sarà più preciso e conciso per evitare nuovi intoppi e problemi giudiziari. La misura, secondo indiscrezioni, riguarda i sette paesi del precedente decreto, ma assicura che non ci siano blocchi per chi e' in viaggio verso gli Usa quando il decreto entrerà in vigore e dovrebbe escludere dalla stretta i possessori della carta verde. Non e' ancora chiaro se il provvedimento include anche il bando indefinito ai rifugiati siriani.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS