Navigation

Usa: Trump riduce ancora quota rifugiati, 15'000

Manifestazione pro-rifugiati nell'ottobre 2019 davanti al Campidoglio di Washington. Keystone/FR159526 AP/JOSE LUIS MAGANA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 29 ottobre 2020 - 15:58
(Keystone-ATS)

Il presidente americano Donald Trump riduce ulteriormente per l'anno fiscale 2021 il numero massimo di rifugiati che gli Usa accoglieranno: sino a 15'000, contro i 18'000 dell'anno precedente e i 45'000 del 2018 e del 2017, l'anno in cui si è insediato.

Nel 2016, quando c'era ancora Barack Obama alla Casa Bianca, il tetto era di 85'000.

"Il programma del presidente riflette l'impegno continuo dell'amministrazione nel vedere il mondo com'è e non come vogliamo che sia, specialmente alla luce della pandemia, mentre facciamo i conti con un massiccio arretrato nei casi di asilo", ha detto Mike Pompeo.

Il segretario di stato ha spiegato che verrà data priorità ai rifugiati che hanno sofferto o temono persecuzione sulla base religiosa: iracheni le cui vite sono state messe in pericolo dalla loro assistenza agli Usa, rifugiati da El Salvador, Guatemala, Honduras, ma anche da Hong Kong, Cuba e Venezuela.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.