Navigation

USA 2012: South Carolina; batosta Romney, Gingrich stravince

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 gennaio 2012 - 09:21
(Keystone-ATS)

L'ex speaker della Camera Newt Gingrich ha vinto le primarie repubblicane in South Carolina col 40% dei voti, staccando di ben 12 punti Mitt Romney al 28%. Terzo si è piazzato l'ultra cattolico di origini italiane Rick Santorum col 17% e ultimo il candidato ultralibertario Ron Paul con l'13%.

Un trionfo per Newt Gingrich, una batosta per Mitt Romney. Questa la fotografia delle primarie in South Carolina, dove l'ex speaker della Camera batte sonoramente l'ex favorito tra i candidati repubblicani staccandolo di ben 12 punti. La corsa per la nomination presidenziale nel Grand Old Party è dunque riaperta.

Ma chi può veramente sorridere per l'esito del voto nel "Palmetto State" è Barack Obama, che vede prolungarsi la lotta fratricida all'interno del partito repubblicano e indebolirsi l'unico candidato che la Casa Bianca considera veramente in grado di impensierire l'attuale presidente, l'ex governatore del Massachusetts Romeny. Del resto tutti i sondaggi, nel caso di un'eventuale sfida Obama-Gingrich, danno il presidente nettamente vincente.

Nella notte del South Carolina, dunque, Romney riconosce la vittoria di Gingrich, frutto di una strepitosa rimonta consumatasi nelle ultime 48 ore, ma sottolinea come "la corsa è ancora lunga". "La battaglia sarà dura", afferma Romney che guarda già alla Florida il primo grande Stato dove si voterà per le primarie, il prossimo 31 gennaio.

Il miliardario mormone appare scosso, ma - rivolgendosi ai suoi sostenitori - tenta di parlare ancora da frontrunner: "Mi batterò per ogni singolo voto, vinceremo la nomination e batteremo Obama". È proprio quest'ultimo che Romney attacca, più che i suoi rivali di partito: "Queste elezioni sono per l'anima dell'America. Vogliamo ripristinare i valori che hanno fatto l'America grande", sottolinea l'ex governatore del Massachusetts, criticando l'attuale presidente per aver creato un governo troppo grande e aver fatto lievitare il debito pubblico.

Anche Gingrich, però, stavolta parla come se avesse la nomination a portata di mano: "Sono pronto a sfidare Obama", assicura ai suoi sostenitori in delirio. "Dopo il disastro compiuto finora - afferma l'ex speaker della Camera - pensate quanto potrebbe essere radicale, ancora più a sinistra, Barack Obama se venisse rieletto per un secondo mandato". Gingrich sa che in Florida sarà diverso dal piccolo Stato conservatore del South Carolina, ma riesce a trasmettere ai suoi un messaggio chiaro: ora siamo davvero in corsa ed è lecito sognare.

C'è poco da sognare, invece, per l'ultracattolico di orgini italiane Rick Santorum, finito terzo col 17% dei voti - nonostante partisse con la spinta datagli dalla vittoria in Iowa - e per l'ultralibertario e ultrasettantenne Ron Paul, ultimo con il 13% delle preferenze. Entrambi non sembrano voler mollare, ma il South Carolina sembra ormai aver deciso chi sia il vero anti-Romney.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?