Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Gli Stati Uniti hanno chiesto a Pechino di indagare sulle indiscrezioni in base alle quali la Cina avrebbe interferito su contenuti internet fuori dal paese e li abbia usati per attaccare siti americani.

Lo afferma il portavoce del Dipartimento di Stato, Jeff Rathke, sottolineando che i cyberattacchi avrebbero manipolato il traffico web di uno dei maggiori service provider cinesi e lo avrebbero trasformato in traffico "maligno" diretto verso i siti americani.

"Siamo preoccupati dalle indiscrezioni sul possibilità che la Cina abbia usato una nuova capacità cyber per interferire con la possibilità di accesso degli utenti web a contenuti fuori dalla Cina", mette in evidenza Rathke, precisando che gli Stati Uniti hanno chiesto alla Cina di indagare e di tenerli aggiornati sui risultati.

Secondo alcuni esperti, il "Great Cannon" è uno strumento per cyberattacchi in mano alla Cina e può dirottare il traffico per o da indirizzi IP singoli e consentire a Pechino di prendere di mira "ogni computer straniero che comunica con sito con base in Cina".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS