Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Gli Stati Uniti hanno chiesto a Pechino di indagare sulle indiscrezioni in base alle quali la Cina avrebbe interferito su contenuti internet fuori dal paese e li abbia usati per attaccare siti americani.

Lo afferma il portavoce del Dipartimento di Stato, Jeff Rathke, sottolineando che i cyberattacchi avrebbero manipolato il traffico web di uno dei maggiori service provider cinesi e lo avrebbero trasformato in traffico "maligno" diretto verso i siti americani.

"Siamo preoccupati dalle indiscrezioni sul possibilità che la Cina abbia usato una nuova capacità cyber per interferire con la possibilità di accesso degli utenti web a contenuti fuori dalla Cina", mette in evidenza Rathke, precisando che gli Stati Uniti hanno chiesto alla Cina di indagare e di tenerli aggiornati sui risultati.

Secondo alcuni esperti, il "Great Cannon" è uno strumento per cyberattacchi in mano alla Cina e può dirottare il traffico per o da indirizzi IP singoli e consentire a Pechino di prendere di mira "ogni computer straniero che comunica con sito con base in Cina".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS