Navigation

USA-Russia: Holder, spie erano minaccia per sicurezza

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 luglio 2010 - 15:35
(Keystone-ATS)

NEW YORK - Il ministro della giustizia americano Eric Holder ha detto alla CBS che le dieci spie espulse dagli Stati Uniti la scorsa settimana erano una minaccia potenziale per l'America e avevano incassato "centinaia di migliaia di dollari" da Mosca.
Holder ha aggiunto anche che lo scambio di spie con la Russia ha permesso di avere indietro "quattro persone che ci interessavano molto".
Tutti i figli delle spie sono potuti partire per la Russia "in base ai desideri dei genitori" o, se erano adulti abbastanza, gli è stato dato il permesso di scegliere in autonomia dove vivere, ha detto il ministro della giustizia nell'intervista alla CBS.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.