Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Il 97% degli svizzeri legge i giornali, l'81% si dichiara lettore di libri, il 79% ama le riviste, mentre solo un quinto passa il tempo con i fumetti. Lo dimostra la quarta parte dell'indagine "Le attività culturali in Svizzera 2008", pubblicata oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST).
Rispetto al resto dell'Europa gli svizzeri si dimostrano un popolo di lettori: secondo uno studio del 2002 gli europei che leggono il giornale sono infatti l'87%, anche se al nord del continente si legge più che al sud.
In Svizzera si leggono inoltre il 10% in più di libri rispetto alla media europea, esattamente lo stesso dato rilevato in Germania, dove sono però preferite le riviste (87%).
Secondo l'indagine dell'UST il 70% degli svizzeri legge il giornale tutti i giorni, dato che sale al 73% se si considera solo la Svizzera tedesca, ma che si abbassa al 65% nel canton Ticino.
L'istruzione, la disponibilità economica, il sesso e le aree urbane non hanno influenza sulla pratica della lettura in sé, ma piuttosto sulla frequenza: gli uomini leggono più regolarmente i giornali rispetto alle donne, mentre gli over 45 leggono più frequentemente dei giovani.
Le differenze più grandi si registrano nel consumo di libri: le donne leggono più libri degli uomini, soprattutto quelle sotto i 30 anni, istruite, con un buon tenore di vita e che abitano in città. Gli svizzeri di nascita leggono inoltre più frequentemente degli immigrati.

SDA-ATS