Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

NEUCHÂTEL - Nel 2009 la statistica sul movimento naturale della popolazione svizzera ha confermato alcune tendenze in atto da circa una decina d'anni: l'aumento delle nascite, soprattutto fra le donne di oltre 35 anni, e dell'età media delle madri al primo parto; per gli uomini è progredita la speranza di vita.
Secondo i dati presentati oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST), la fecondità è in cresciuta tra le donne di nazionalità svizzera, anche se sono le straniere che continuano a mettere al mondo il maggior numero di figli.
L'anno scorso i nuovi nati sono stati 78'300, il 2,1% in più rispetto al 2008. A più lungo temine si sono delineate due tendenze: da un lato, le donne di meno di 30 anni mettono al mondo sempre meno figli (-6,1% dal 2001); dall'altro, i parti aumentano tra le donne che hanno più di 35 anni (+43% dal 2001). L'età media delle madri alla nascita del primo figlio si è attestata a 30,1 anni contro i 28,9 del 2001.
Il numero medio di figli per donna è passato da 1,48 nel 2008 a 1,50 nel 2009. Nel 2001 si situava a 1,38. Questo indicatore resta comunque nettamente inferiore alla media di 2,1 figli necessaria al ricambio generazionale. Le donne straniere continuano a mettere al mondo più figli, ma dal 2001 la loro fecondità media è diminuita da 1,88 a 1,83 figli. Lo stesso indicatore cresce invece per le donne svizzere: 1,40 nel 2009 contro 1,37 nel 2008 e 1,22 nel 2001.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS