Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Gran consiglio vallesano ha bocciato oggi l'istituzione di una commissione parlamentare d'inchiesta (CPI) per far luce su episodi legati alla contaminazione da mercurio nell'Alto Vallese. I deputati ritengono che il Cantone si sia reso conto della gravità dell'inquinamento e che una CPI non migliorerebbe la gestione della pesante eredità del passato.

La risoluzione presentata da Alleanza di sinistra e UDC, che chiedeva la creazione della commissione d'indagine, è stata bocciata con 88 voti a 35.

Stando agli ultimi dati comunicati dal Cantone, risultano inquinati da mercurio numerosi terreni agricoli, nonché 175 parcelle situate nelle zone abitate di Visp e Turtig. Una settantina dovranno essere risanate.

La contaminazione è attribuita all'industria chimica Lonza, che fra il 1930 e il 1970 ha riversato le acque industriali cariche di metallo nel canale di evacuazione "Grossgrundkanal". Lo scorso febbraio il Cantone ha annunciato di aver predisposto uno studio epidemiologico, volto a misurare le conseguenze dell'inquinamento sulla salute degli abitanti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS