Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Vallese ha reso omaggio oggi a Georgie Lamon e a Jean-Noël Rey, morti negli attentati a Ouagadougou, in Burkina Faso, il 15 gennaio. Un migliaio di persone si sono raccolte nella cattedrale di Sion per la commemorazione.

Alla cerimonia religiosa, tenuta dal vescovo di Sion, Jean-Marie Lovey, hanno partecipato anche il consigliere federale Alain Berset e gli ex consiglieri federali Ruth Dreifuss, Micheline Calmy-Rey, Pascal Couchepin e René Felber. Presenti anche diversi parlamentari federali e cantonali nuovi e vecchi.

Nell'omelia il vescovo ha condannato la violenza cieca: "ha il terribile potere di far vacillare la nostra fiducia nell'uomo e in Dio", ha affermato. La domanda "perché?" è tornata come un leitmotiv sulla bocca di vari oratori.

Il presidente del governo vallesano Jacques Melly ha espresso la sua incomprensione e la sua collera di fronte a questi atti definiti assurdi. Georgie Lamon, ex deputato cantonale vallesano socialista, e Jean-Noël Rey, ex direttore generale della Posta, si erano recati in a Burkina Faso per motivi umanitari. "Non si uccidono coloro che vanno in aiuto", ha sottolineato.

Venerdì 15 gennaio Lamon, 82 anni, e Rey, 66 anni, sono morti al ristorante Cappuccino di Ouagadougou nel corso di un attacco terroristico rivendicato da Al Qaida per il Maghreb Islamico (Aqmi) conclusosi con un bilancio di 29 morti.

I funerali delle due vittime vallesane si svolgeranno sabato a Lens e a Chermignon (VS), loro luoghi di domicilio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS