Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Colpevole di aver ucciso 38 pecore da giugno in poi, un lupo vallesano è stato condannato a morte dalle autorità cantonali, nel rispetto delle norme di legge.

A dare l'autorizzazione di sparare è stato il consigliere di Stato Jacques Melly, responsabile dei trasporti, delle infrastrutture e dell'ambiente. La legge recita che se un lupo azzanna almeno 25 ovini in un mese o almeno 35 durante quattro mesi consecutivi, può venir abbattuto. L'animale in questione è andato ben oltre, secondo il governo vallesano: tra il 19 giugno e l'8 agosto gli ovini uccisi sono stati 38, nella zona di Réchy e Val d'Anniviers.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS