Navigation

Vanessa Paradis e Winona Ryder difendono Depp a processo

L'attore Johnny Depp all'arrivo davanti alla sede dall'Alta Corte di Londra. KEYSTONE/AP/Alastair Grant sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 luglio 2020 - 16:55
(Keystone-ATS)

Vanessa Paradis e Winona Ryder hanno difeso oggi a spada tratta Johnny Depp al processo per diffamazione intentato dall'attore americano a Londra contro il tabloid britannico Sun, che nel 2018 lo bollò come "picchiatore coniugale".

Le due "ex" dell'attore non credono alle accuse di violenza domestica rivolte a Johnny Depp dall'ex moglie Amber Heard.

La testimonianza più decisa davanti all'Alta Corte di Londra - nell'ennesima udienza di una causa trasformatasi in questi giorni in scontro senza esclusione di colpi sul racconto della breve vita in comune fra Depp e la Heard, con accuse incrociate su chi sia stata la vittima e chi l'aggressore in una relazione viziata da alcol e droga - è stata quella della Paradis.

La cantante e attrice francese ha ricordato di conoscere Johnny Depp da 25 anni, di essere stata "sua partner per 14, di aver cresciuto con lui due figli" e di conoscerlo come una persona "generosa, attenta, gentile e non violenta". Non solo: Paradis ha anche bollato come "oltraggiose" le accuse contro di lui.

Winona Ryder da parte sua ha premesso di "non essere stata ovviamente presente" nelle vicende del matrimonio fra Depp e la Heard. Ma ha comunque rivendicato di considerare lui tuttora il suo "miglior amico, dopo aver fatto coppia per 4 anni", e di non averne mai subito comportamenti "aggressivi". "Non voglio chiamare bugiarda nessuno - ha concluso - ma dalla mia esperienza con Johnny mi è impossibile credere che certe orribili accuse siano vere".

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.