Navigation

VD: a processo dodici attivisti per il clima

Si è aperto oggi davanti al tribunale distrettuale di Renens (VD) il processo nei confronti di dodici attivisti per il clima. Nell'immagine una manifestazione odierna a sostegno degli imputati. KEYSTONE/JCB sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 07 gennaio 2020 - 11:37
(Keystone-ATS)

Si è aperto oggi davanti al tribunale distrettuale di Renens (VD) il processo nei confronti di dodici attivisti per il clima, chiamati alla sbarra per un'azione condotta nel novembre 2018 nei locali di Credit Suisse a Losanna.

La sentenza è attesa per lunedì prossimo.

Si tratta del primo processo di questa portata in Svizzera dall'inizio della mobilitazione contro il riscaldamento climatico. Sono previsti tre giorni di dibattimenti. I dodici imputati - cinque donne e sette uomini - sono difesi da un collettivo di tredici avvocati. Rappresentano i ragazzi gratuitamente perché convinti della legalità della loro azione.

Circa 50 simpatizzanti si sono presentati per sostenere gli imputati, che fanno parte del movimento ecologista Lausanne Action Climat.

Alla fine di novembre, i legali hanno già rivelato parte della loro strategia di difesa. Sostengono che gli attivisti, di età compresa tra i 21 e i 34 anni, hanno agito per uscire dallo stato di emergenza climatica e allertare la società. Considerano quindi giustificata la loro azione.

Quest'ultima si è svolta il 22 novembre 2018. I dodici hanno occupato i locali di Credit Suisse per un'ora e mezza. Vestiti da tennisti, hanno denunciato "l'ipocrisia di una banca che utilizza l'immagine positiva di Roger Federer nelle sue campagne, perseguendo al tempo stesso una politica di investimenti dannosi per l'ambiente", come per esempio nel controverso oleodotto nello Stato del Sud Dakota (Usa).

Alla fine di dicembre 2018 Credit Suisse ha sporto denuncia. Nella primavera del 2019, i dodici sono stati condannati tramite decreto d'accusa a 30 aliquote giornaliere sospese per due anni e a multe dai 400 ai 600 franchi ciascuno, convertibili in 13-20 giorni di reclusione, per violazione di domicilio e resistenza agli ordini della polizia. Gli attivisti hanno presentato ricorso e per questo motivo si tiene ora il processo.

In qualità di testimoni, hanno voluto personalità di spicco nella lotta contro il riscaldamento globale, tra cui l'ex vicepresidente del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici, il belga Jean-Pascal Van Ypersele, l'eurodeputata francese Marie Toussaint e il premio Nobel svizzero per la chimica Jacques Dubochet. Il tribunale si è però rifiutato di ascoltarli, ad eccezione di Dubochet.

Azioni simili a quella di Losanna si sono svolte lo stesso giorno a Basilea e Ginevra. Nella città renana, tuttavia, gli attivisti hanno protestato non nei locali di Credit Suisse, ma sul marciapiede davanti alla sede della banca. La polizia non è intervenuta. Nei prossimi mesi in Svizzera si svolgeranno altri processi di questo tipo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.