Navigation

VD: cinque gatti selvatici sono nati nel parco della Garenne

Cinque gatti selvatici sono nati il 27 marzo allo zoo di La Garenne a Le Vaud (VD). KEYSTONE/JEAN-CHRISTOPHE BOTT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 22 aprile 2020 - 17:44
(Keystone-ATS)

Cinque gatti selvatici sono nati il 27 marzo nel parco della La Garenne, nel villaggio di Le Vaud, nell'entroterra della Côte vodese.

Nelle cucciolate ci sono spesso dei morti, ma a quasi un mese dalla nascita i gattini hanno già superato una fase importante e in linea di massima tutto procede bene, ha detto oggi a Keystone-ATS Michel Gauthier-Clerc, direttore dello zoo La Garenne. I giovani saranno gradualmente svezzati dopo due o tre mesi.

La madre tiene d'occhio i suoi piccoli. "Li ha spostati più volte. Prima li ha posti a più di tre metri di altezza, poi li ha riportati a terra, vicino a un ceppo, in un luogo tranquillo. L'abbiamo disturbata il meno possibile", ha precisato Gauthier-Clerc.

Il parco zoologico ospita un maschio e due femmine di Felis silvestris dal febbraio 2019. L'anno scorso una delle femmine ha partorito, ma i piccoli non sono sopravvissuti.

I cinque nuovi arrivati finora se la stanno cavando bene, ma il loro futuro non è ancora scritto: "È probabile che saranno trasferiti in un altro parco in Europa, ma per ora non è stato deciso nulla", ha detto il direttore.

Il gatto selvatico è un animale discreto e feroce. Era quasi scomparso dalla Svizzera, ma ora che è protetto sta lentamente ritornando, soprattutto lungo l'arco del Giura. Pro Natura ne ha fatto il suo animale dell'anno 2020 e ritiene che ci siano buone probabilità che presto si farà strada attraverso l'Altopiano fino alle Prealpi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.