Navigation

VD: due anni con la condizionale a medico per eutanasia paziente

Il medico non è stato condannato per omicidio intenzionale (foto d'archivio). KEYSTONE/AP/MATTHIAS RIETSCHEL sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 30 settembre 2019 - 21:14
(Keystone-ATS)

Due anni con la condizionale: è la pena inflitta ad un medico di famiglia vodese per aver praticato un'iniezione letale a una paziente di 86 anni che nel 2015 sembrava in fin di vita.

Il Tribunale distrettuale dell'Est vodese, a Vevey, non lo ha riconosciuto colpevole di omicidio intenzionale. L'imputato è un medico generalista di 44 anni, che lavora a Pully dal 2007. Rischiava cinque anni di reclusione poiché il pubblico ministero riteneva il suo atto un'eutanasia attiva non esplicitamente richiesta e quindi assimilabile all'omicidio.

Il Tribunale distrettuale ha ritenuto che, per agire, il medico "si è convinto che la sua paziente fosse in fin di vita". Si è però basato esclusivamente sulla visione soggettiva del marito, che riteneva sua moglie vittima di un accanimento terapeutico.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.