Navigation

VD: maxi tamponamento coinvolge 50 auto, no feriti gravi

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 marzo 2013 - 14:37
(Keystone-ATS)

Un maxi tamponamento ha coinvolto 50 vetture oggi sull'autostrada A9 fra Vannes e Chexbres (VD), in direzione del Vallese. Settanta persone in stato di shock sono state condotte in autobus alla centrale di polizia di Losanna. Altre otto, lievemente ferite, sono state trasportate negli ospedali della regione. Non si registrano feriti gravi.

L'incidente si è verificato poco prima della galleria di Chexbres alle 12.35, ha indicato all'ats Jean-Christophe Sauterel, responsabile del servizio stampa della polizia cantonale vodese. Cinquanta vetture sono rimaste coinvolte nel tamponamento a catena, 46 delle quali hanno subito danni.

All'origine dell'incidente - avvenuto quando sul tratto autostradale la visibilità era ridotta dalla nebbia - ci sarebbero la velocità eccessiva e distanze di sicurezza non sufficienti, ha precisato il portavoce. Sull'accaduto, ha aggiunto, è stata aperta un'inchiesta.

Gli otto feriti sono stati trasportati negli ospedali di Montreux (VD) e all'ospedale universitario (CHUV) di Losanna. A causa delle difficili condizioni meteorologiche i soccorritori non hanno potuto utilizzare elicotteri. Sono perciò intervenuti con otto ambulanze, una squadra del servizio mobile d'urgenza e rianimazione (SMUR), un distaccamento medico e una quindicina di pattuglie della polizia.

L'autostrada resterà probabilmente chiusa al traffico fino a metà pomeriggio per permettere lo sgombero delle vetture danneggiate e la pulizia del manto stradale. Il traffico proveniente dalla Romandia e dalla Svizzera tedesca diretto in Vallese è attualmente deviato sulla A12 via Berna e Friburgo, indica Viasuisse.

Un tamponamento ben più grave si era verificato nel 2008 sullo stesso tratto autostradale. La collisione, avvenuta vicino a Lutry (VD), aveva coinvolto 85 automobili e provocato la morte di una persona e il ferimento di altre 55.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo