Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un 23enne è stato accoltellato ieri sera dal padre poco prima delle 19:00 mentre si trovava al pronto soccorso dell'ospedale intercantonale friburgo-vodese della Broye, a Payerne (VD). Per l'autore dell'aggressione, fermato e interrogato poco dopo dalla polizia, il procuratore formulerà una domanda di detenzione preventiva. Lo ha comunicato oggi la polizia cantonale vodese. Il ragazzo è fuori pericolo, le sue condizioni si sono stabilizzate

Il giovane si trovava in cura al pronto soccorso quando è giunto il padre: scoppiata una lite tra i due, il genitore - un serbo di 53 anni - ha inferto un colpo di coltello al figlio a livello della scapola. Il ferito è stato immediatamente soccorso dal personale ospedaliero. Il suo stato, giudicato inizialmente serio, è migliorato nel corso della notte e la sua vita non è più in pericolo.

Nella sfortuna il giovane è stato fortunato di trovarsi al posto giusto, ha detto Nadia Marchon, del nosocomio della Broye. Altrimenti la sua sopravvivenza sarebbe stata compromessa.

Dopo l'aggressione il padre del ragazzo ha lasciato l'ospedale con un veicolo appartenente a un famigliare, ma dopo aver fatto qualche chilometro è tornato all'ospedale. Il 53enne è stato fermato dai gendarmi e poi consegnato agli inquirenti. Padre e figlio sono entrambi domiciliati nella regione. Il procuratore ha aperto un'istruttoria penale allo scopo di determinare le circostanze dell'aggressione

SDA-ATS