Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un parapendista dato per disperso ieri nel canton Vaud ha dato notizia di sé stamane dopo aver passato la notte appeso a un albero sopra Sainte-Croix (VD). Il 60enne svizzero è riuscito da solo a scendere a terra, dopo di che è stato aiutato da un automobilista e ha potuto avvertire la famiglia e la polizia, ha indicato quest'ultima in una nota, precisando che l'uomo ha riportato solo qualche graffio che non ha richiesto il ricovero in ospedale.

Il parapendista, domiciliato nel nord vodese e definito "esperto" da un portavoce dalla polizia, aveva preso il volo ieri verso le 13.15 per sorvolare la catena del Giura fino a Sainte-Croix. Una raffica di vento frontale gli ha però fatto perdere quota. Alla fine si è ritrovato tra i rami di un albero, nascosto dalla vegetazione. Non avendo con sé un telefonino, è rimasto nella scomoda posizione buona parte del pomeriggio e della notte. Solo stamane è riuscito a scendere e a raggiungere la strada cantonale.

Ieri si erano messi alla sua ricerca una dozzina di persone e un elicottero della Rega aveva sorvolato la regione, senza successo.

Nel weekend di Pentecoste tre altri appassionati di parapendio avevano avuto meno fortuna. Un turgoviese di 43 anni, un austriaco di 48 e un 38enne tedesco avevano perso la vita in tre incidenti, due nei Grigioni e uno nell'Obvaldo.

SDA-ATS