Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Stando alla polizia vodese, il valore della refurtiva ammonta a diverse decine di milioni di franchi.

KEYSTONE/LAURENT GILLIERON

(sda-ats)

Un furgone blindato, con a bordo denaro e pietre preziose per "diverse decine di milioni di franchi", è stato rapinato la notte scorsa sull'autostrada l'A1 vicino a Nyon. I sette malviventi sono già stati arrestati in Francia e il bottino è stato recuperato.

La rapina è avvenuta verso le 3.00, ha precisato la portavoce della polizia vodese Florence Maillard all'ats. I media francesi affermano che il valore della refurtiva si aggira attorno ai 40-45 milioni di franchi, la polizia vodese invece, in un comunicato, parla di "diverse decine di milioni di franchi" senza fornire altri dettagli.

Fonti vicine all'inchiesta hanno dichiarato all'agenzia Afp che i malviventi armati in auto hanno costretto il furgone a seguirli oltreconfine fino a Divonne-les-Bains (Ain), dove hanno divelto le porte del veicolo con l'esplosivo. Sono poi fuggiti liberando gli agenti di scorta dopo aver dato alle fiamme il furgone.

La banda, basata nelle regione di Lione, è nota alla polizia ed era tenuta sotto sorveglianza da mesi. Gli agenti hanno quindi potuto intervenire rapidamente per arrestare i sette nei pressi di Annecy, in Alta Savoia.

Il bottino (denaro e pietre preziose) è stato ritrovato e sono state sequestrate armi. La polizia francese ritiene di aver arrestato l'intera banda.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS