Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Claude-Alain Voiblet, espulso dall'UDC vodese in primavera

KEYSTONE/JEAN-CHRISTOPHE BOTT

(sda-ats)

La sezione vodese dell'UDC ha deciso ieri sera di espellere dalle sue file i dissidenti che hanno formato il Partito liberal-conservatore. Tra loro Valentin Christe, 26enne nuovo presidente del Consiglio comunale di Losanna.

Christe è stato eletto martedì scorso primo cittadino del capoluogo vodese in barba all'UDC che puntava su Philippe Ducummun. La risposta del partito non si è fatta attendere: riuniti ieri sera a congresso a Romanel, i delegati dell'UDC vodese hanno deciso a schiacciante maggioranza di espellere Christe e altri quattro membri del Partito liberal-conservatore (PLC) costituito da esponenti fedeli a Claude-Alain Voiblet.

Presidente della sezione losannese dell'Unione democratica di centro e vicepresidente dell'UDC svizzera, Voiblet è stato espulso dalla sezione vodese la scorsa primavera per avere "vandalizzato" manifesti di candidati del partito durante la campagna per le ultime elezioni federali: era accusato di aver coperto lo scorso autunno a Losanna manifesti elettorali dei due candidati UDC al Consiglio degli Stati Fabienne Despot e Michaël Buffat con la propria immagine. Lo scorso ottobre aveva mancato l'elezione al Consiglio nazionale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS