Navigation

VD: vendute 25 auto di lusso confiscate

25 auto di lusso del figlio del presidente della Guinea Equatoriale sono state battute oggi all'asta a Chéserex (VD). KEYSTONE/LAURENT GILLIERON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 29 settembre 2019 - 14:46
(Keystone-ATS)

25 auto di lusso del figlio del presidente della Guinea Equatoriale sono state battute oggi all'asta a Chéserex (VD).

I veicoli erano stati confiscati dalla magistratura ginevrina nel corso di un'inchiesta per riciclaggio di denaro sporco contro Teodorin, figlio maggiore del presidente Teodoro Obiang.

La stima complessiva del parco auto è di almeno 18,5 milioni di franchi. "Questa è una vendita eccezionale. Si tratta di una collezione privata di super auto, con un chilometraggio estremamente limitato, a volte addirittura nuove di zecca", ha detto Philip Kantor, direttore del dipartimento automobilistico europeo della società britannica Bonhams, che ha organizzato l'asta.

Sette Ferrari, tre Lamborghini, cinque Bentley, una Maserati e una McLaren sono in vendita al Bonmont Golf Club, non lontano da Nyon. I lotti più costosi sono due vetture presentate al Salone dell'auto di Ginevra nel 2013: si tratta di una Lamborghini Veneno Roadster di colore bianco sporco, del valore compreso tra i 5,2 e i 6,2 milioni di franchi, e di una Ferrari (ibrida) gialla, da 2,6-2,8 milioni di franchi.

Il Ministero pubblico ginevrino ha archiviato in febbraio il procedimento aperto nel 2016 contro Teodorin. La magistratura di Ginevra e le autorità della Guinea Equatoriale avevano concordato di vendere i veicoli e di investire il ricavato in un progetto sociale. Il paese africano ha accettato inoltre di versare 1,3 milioni di franchi allo Stato di Ginevra, in particolare per coprire le spese di procedura e il sequestro di uno yacht, nel frattempo revocato.

Lo stato dell'Africa centrale con 1,2 milioni di abitanti è governato per 40 anni dal Presidente Teodoro Obiang Nguema, 77 anni. Il figlio maggiore Teodorin è noto per la sua inclinazione per il lusso e lo stile di vita eccessivo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.