Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

WASHINGTON - Un team svizzero e due americani che hanno messo a punto veicoli particolarmente poco voraci di energia si sono spartiti oggi i 10 milioni di dollari del premio assegnato dalla X Prize Foundation, che incoraggia l'innovazione in tutti i campi.
Il premio era destinato a veicoli in grado di superare le 100 miglia con un gallone di benzina, equivalenti a un consumo di 2,35 litri per 100 chilometri, o il suo equivalente energetico per quelli che funzionano ad elettricità o con un'altra fonte di energia.
Una due ruote, l'E-Tracer 79, ha vinto 2,5 milioni di dollari nella categoria dei veicoli in grado di trasportare due persone una dietro l'altra. Il veicolo elettrico dal telaio a uovo giallo e nero è prodotto a Winterthur, nel canton Zurigo, dall'X-Tracer team.
Cinque milioni di dollari sono andati una vettura ultraleggera nella categoria dei veicoli capaci di trasportare quattro persone. Il veicolo di 376 chili, funzionante a etanolo, è stato concepito dalla società Edison2 con sede a Lynchburg in Virgina e sembra una vettura da corsa con le sue ruote esterne al telaio e le portiere che si aprono verso l'alto.
I restanti 2,5 milioni di dollari, per i veicoli a due posti appaiati, sono andati alla Wawe2 della società Li-On Motors, con sede a Charlotte nella Carolina del Nord. Si tratta di un veicolo elettrico funzionante con batterie al litio.
Complessivamente 111 team e 136 veicoli di 26 paesi hanno partecipato al concorso. La fondazione X Prize, senza scopo lucrativo, mira a promuovere i progressi scientifici e tecnologici in ogni sorta di settore. Ha in particolare lanciato il concorso Google Lunar X Prize, dotato di 30 milioni di dollari, per inviare sulla Luna un robot in grado di spostarsi e trasmettere foto del suolo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS