Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Vellerat, il comune che divenne giurassiano nel 1996, dopo 15 ani di lotte (archivio).

KEYSTONE/STR

(sda-ats)

Il nome del comune di Vellerat, che per anni ha sfidato le autorità politiche bernesi per raggiungere il Giura nel 1996, scomparirà dalle carte. I cittadini hanno approvato in votazione un'aggregazione con il comune di Courrendlin che darà il nome alla nuova entità.

La fusione proposta riguardava cinque comuni, ma solo in tre è stata approvata. A Courrendlin i "sì" sono stati il 75%, a Vellerat l'82,6%, cioè 38 voti contro 8, e a Rebeuvelier l'84,7%. Dal primo gennaio 2019 quindi formeranno un unico comune. Hanno invece respinto la proposta Châtillon (66,6% di "no") e Rossemaison (76,9% di "no").

Il piccolo comune di una settantina di abitanti, appartenente all'epoca al distretto di Moutier (BE), aveva votato a favore della creazione del cantone del Giura in occasione dei plebisciti sull'autodeterminazione del 1974 e del 1975, ma poiché non confinava con il distretto di Delémont, non fu autorizzato a partecipare al terzo plebiscito, che permise a diversi comuni della valle di Delémont di unirsi al Giura.

Negli anni successivi, la località chiese a più riprese - proclamando perfino la propria indipendenza nel 1982 - di poter integrare il nuovo cantone, una lotta durata fino al luglio 1996, quando il popolo svizzero approvò al 90% il suo trasferimento al canton Giura.

Fra una settimana, il 18 giugno, toccherà ai cittadini di Moutier (BE) esprimersi sulla loro appartenenza cantonale. Le vicine località di Belprahon, Grandval, Crémines e Sorvilier si pronunceranno al riguardo in un secondo tempo, una volta conosciuti i risultati di Moutier.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS