Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Vendite al dettaglio: stagnazione in maggio

Il volume d'affari del commercio al dettaglio ha segnato il passo in maggio, registrando un +0,1% rispetto al mese corrispondente dell'anno scorso. Lo indica l'Ufficio federale di statistica (UST) in una nota odierna, in cui precisa che i dati sono stati corretti degli effetti di calendario. In termini reali risulta una crescita dell'1,8%.

Escludendo i carburanti - sempre a parità di giorni di vendita - si ha un incremento dello 0,4%. In termini reali l'aumento si attesta al 2,0%. Le vendite di prodotti alimentari, bevande e tabacco hanno registrato una crescita dello 0,5%, ma una diminuzione dello 0,3% in termini reali. Il comparto non alimentare marcia praticamente sul posto (+0,1%), ma in termini reali si ha un incremento del 2,8%.

Rispetto all'aprile 2013, a parità di giorni di vendita e corretti delle variazioni stagionali, i ricavi dei dettaglianti sono in lieve flessione sia in termini nominali sia reali (-0,1%). Senza carburanti non si hanno variazioni nominali e un lieve calo dello 0,1% in termini reali. Per i prodotti alimentari risulta un aumento dello 0,6% nominale e dello 0,1% reale. Per il comparto non alimentare l'UST ha calcolato una diminuzione nominale dello 0,1% e un +0,1% in termini reali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.