Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro.

KEYSTONE/AP/FERNANDO LLANO

(sda-ats)

L'opposizione venezuelana ha chiamato la popolazione a "disconoscere tutte le decisioni" del governo di Nicolas Maduro "che si è messo ormai al di fuori dalla Costituzione".

Nel mirino degli oppositori anche l'operato del Tribunale Supremo di Giustizia (Tsg) e del Consiglio Nazionale Elettorale (Cne). Gli abitanti sono invitati a mantenere "la protesta di piazza per ottenere la fine di questo governo e la restaurazione della Costituzione".

Il presidente del Parlamento, Julio Borges, ha letto un manifesto di 10 punti nel quale l'opposizione - che controlla due terzi dei seggi dell'Assemblea Nazionale - dichiara che poichè "il governo si è messo ormai fuori dalla Costituzione, tanto la sua autorità come le sue decisioni risultano incostituzionali, e non devono essere riconosciute o ubbidite da nessuno, in base all'articolo 350 della Costituzione".

"La storia di questo Paese ci insegna che quando la piazza, il popolo e l'unità nazionale si mettono insieme in nome della libertà è possibile sconfiggere la tirannia", ha aggiunto Borges, secondo il quale "la complicità fra l'Esecutivo, il Tsg e il Cne per portare avanti la truffa dell'Assemblea Costituente ci impone di disconoscerne l'autorità e la legittimità subito, senza attendere il 30 luglio", data prevista per l'elezione dei costituenti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS