Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, ha chiesto al Parlamento di attribuirli poteri speciali che gli permettano di governare senza controllo del potere legislativo per lanciare la lotta contro la corruzione, in nome di una "rivoluzione dentro alla rivoluzione bolivariana".

In un discorso davanti al Parlamento di Caracas, in presenza dell'intero governo, il corpo diplomatico e invitati speciali, Maduro ha detto che "finché la corruzione continuerà a perpetuare la sua logica capitalistica non ci sarà vero socialismo, perché non potrà mai imporre la sua dinamica profondamente umana in mezzo agli antivalori della corruzione".

"Sono qui per fare una rivoluzione dentro alla rivoluzione. Il comandante Chavez mi ha ordinato di usare il pugno di ferro e io intendo usarlo, contro la corruzione, il burocratismo e l'inefficienza", ha sottolineato il presidente venezuelano.

Oggi inizierà il dibattito sulla richiesta di Maduro nell'Assemblea Nazionale -il parlamento unicamerale di Caracas- per la quale è necessaria una maggioranza speciale di 99 voti (su 165 seggi), quando il Partito Socialista Unito del Venezuela (Psuv) e i suoi alleati della maggioranza governativa ne controllano attualmente solo 98.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS