Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La raffineria Amuay ha ripreso oggi l'attività "in modo sicuro e progressivo", una settimana dopo l'esplosione che ha distrutto o danneggiato nove dei suoi depositi, con un bilancio di oltre 40 morti e 80 feriti. Lo ha annunciato l'azienda statale Petroleos de Venezuela (Pdvsa).

Due degli impianti della raffineria hanno ripreso a funzionare, producendo 70 mila barili al giorno la prima e 90 mila barili al giorno la seconda, ha precisato Jesus Luongo, amministratore del Centro di raffinazione Paraguanà, il più grande del mondo.

L'incidente di sabato 25 agosto è stato il più grave della storia dell'industria petrolifera in Venezuela. Ci sono voluti oltre tre giorni per domare l'incendio causato dall'esplosione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS