Navigation

Verdi: urge cambiamento radicale della società e dell'economia

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 gennaio 2012 - 18:17
(Keystone-ATS)

Voltare pagina e privilegiare la strada della sostenibilità: è quanto dovrebbe fare secondo i Verdi la Svizzera, affrontando le situazioni di petto ed andando alla radice dei problemi. I delegati del partito, riuniti oggi a Kriens (LU) in assemblea, hanno anche discusso delle votazioni federali dell'11 marzo: respinta l'iniziativa sul risparmio per l'alloggio, accolti gli altri quattro testi in votazione.

I Verdi devono mostrare chiaramente che vogliono un cambiamento radicale della società, ha detto il presidente Ueli Leuenberger aprendo l'assemblea. Questo significa andare alla radice dei problemi: "la distruzione delle risorse naturali, il riscaldamento climatico, lo sfruttamento degli esseri umani, il sistema sociale ed economico profondamente ingiusto e il capitalismo selvaggio e le sue conseguenze disastrose", ha precisato Leuenberger.

I Verdi devono tracciare la via per "un'economia giusta ed ecologica", ha aggiunto la vicepresidente Franziska Teuscher. "Non dobbiamo lasciare l'economia in mano ai politici borghesi" altrimenti si serviranno della crisi finanziaria e della forza del franco per peggiorare i salari e le condizioni di lavoro. Il mercato non funziona come dovrebbe e la ricchezza in Svizzera non viene distribuita equamente, secondo Teuscher. Bisogna creare un'economia giusta ed efficiente.

Proprio per andare in questa direzione i delegati hanno espresso un chiaro appoggio all'iniziativa dei Verdi liberali per sostituire l'imposta sul valore aggiunto (IVA) con una tassa sulle energie non rinnovabili.

Riferendosi all'elezione, prevista a fine aprile, del suo successore alla presidenza, Leuenberger ha auspicato che la scelta cada su qualcuno che garantisca una gestione del partito "attiva e innovativa". Il termine per presentare la propria candidatura alla presidenza del partito scade venerdì e la lista è già fin d'ora lunga.

A margine dell'assemblea i delegati hanno anche affrontato i temi in votazione il prossimo 11 marzo, emettendo le loro raccomandazioni di voto. Gli ecologisti hanno respinto l'iniziativa sul risparmio per l'alloggio, mentre hanno accolto gli altri quattro testi in votazione: le iniziative "Basta con la costruzione sfrenata di abitazioni secondarie!" e "6 settimane di vacanza per tutti", il decreto federale concernente il disciplinamento dei giochi in denaro e legge federale sul prezzo fisso dei libri.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?