Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Riunione a porte chiuse tra i vertici dei grandi istituti bancari centrali e rappresentanti della finanza oggi a Zurigo: sotto l'egida del Fondo monetario internazionale (FMI) e della Banca nazionale svizzera (BNS), la riunione è dominata dalla crisi greca e dagli insuccessi dell'euro che hanno necessitato misure eccezionali da parte dell'Unione europea e l'intervento delle banche centrali.
Alla riunione presenziano il direttore del Fondo monetario internazionale (FMI) Dominique Strauss-Khan, il presidente della Banca centrale europea (Bce) Jean-Claude Trichet, il vicepresidente della Federal Reserve americana (Fed) Donald Kohn, il presidente del consiglio del Financial Stability Board (FSB) Mario Draghi, il CEO della Bundesbank Axel Weber e il presidente della direzione della BNS Philipp Hildebrand.
In un discorso distribuito alla stampa, Kohn ha avvertito sugli "squilibri mondiali" che hanno condotto a importanti vulnerabilità macroeconomiche e finanziarie e quindi all'emergenza della crisi finanziaria mondiale".
La riunione che si protrarrà per tutta la giornata è chiusa al pubblico: è accessibile solo a qualche giornalista scelto. I partecipanti non hanno rilasciato dichiarazioni prima dell'inizio della riunione. Questa si chiuderà con una conferenza stampa alle 18:30.
La riunione interviene dopo che l'Unione europea ha varato un piano da 750 miliardi di euro per arginare la crisi del debito nell'UE.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS