Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Isolare ulteriormente la Russia non risolverà alcun problema e potrebbe crearne altri, in Europa e al di fuori di essa". Lo ha dichiarato oggi Didier Burkhalter, in veste di presidente di turno dell'OSCE, a margine del vertice della NATO in corso a Newport, in Galles.

Nel suo discorso egli ha insistito sul fatto che un ritorno alla stabilità in Ucraina e in Europa può avvenire solo con il coinvolgimento della Russia. Ha inoltre sottolineato che non possono essere applicate sanzioni, da una parte e dall'altra, "a scapito degli sforzi diplomatici".

Burkhalter ha in seguito riassunto le priorità dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE). In primo luogo, continuare a partecipare attivamente agli sforzi per un cessate il fuoco favorendo il dialogo fra i presidenti ucraino Petro Poroshenko e russo Vladimir Putin.

Secondariamente, l'OSCE vuole estendere le attività della sua missione di osservazione nell'est dell'Ucraina adeguandole all'evoluzione del conflitto, ingaggiando un numero maggiore di specialisti, impiegando quattro droni e allestendo due stazioni di controllo sul terreno. A tal proposito, Burkhalter ha chiesto alla comunità internazionale assistenza.

In terzo luogo, l'OSCE intende fornire il suo contributo per la "riconciliazione, la ricostruzione e le riforme" in Ucraina. Secondo Burkhalter l'allargarsi del fossato fra Russia e Occidente deve spingere i dirigenti del continente a ripensare la sicurezza europea. L'OSCE, ha concluso, rappresenta la piattaforma ideale per farlo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS